Adjusting Non-Adjustable Butt Hinges | Popular Woodworking Magazine

Potremmo ricevere una commissione quando utilizzi i nostri link di affiliazione. Tuttavia, ciò non influisce sui nostri consigli.

Due tipi di cerniera di testa: una in ottone pieno trafilato con perno fisso (a sinistra) e una versione a perno libero con punte a sfera.

Lavorare con questi cardini tradizionali richiede un po ‘di ingegnosità antiquata.

I cardini di alta qualità sono belli e durevoli per mobili e ante di armadi a muro. Se ti occupi di mobili da incasso e talvolta lavori in case costruite tra la fine del 1800 e gli anni ’30, quasi certamente conosci i cardini di testa, che sono stati ampiamente utilizzati per le porte in questi decenni.

Tra le cerniere più diffuse, almeno negli Stati Uniti, ce ne sono 21/2”Calci a sfera con perni rimovibili. Questi sono ancora disponibili nelle proporzioni originali da diversi fornitori. Un tipo alternativo di cerniera di testa ampiamente utilizzata nel Regno Unito è la cerniera di testa in ottone pieno con un perno fisso. Entrambi i tipi sono costituiti da due foglie e un barilotto centrale dotato di un perno che lega insieme le foglie. Le cerniere di testa a perno allentato consentono di rimuovere il perno mentre le ante rimangono rispettivamente sul montante della porta e sull’armadio, il che facilita il montaggio delle porte. Le cerniere di testa a perno fisso non offrono questa opzione.

1. I fori di montaggio allungati in questa cerniera non mortasata offrono una certa possibilità di regolazione dopo l’installazione.

Mentre alcune applicazioni richiedono la mortasatura solo del montante della porta e il semplice avvitamento della seconda anta sulla superficie del lato dell’armadio, le cerniere di testa tradizionalmente hanno un’anta incavata nel montante della porta e l’altra infilata nell’armadio. La disposizione e il taglio delle mortase devono essere precisi e non esiste un modo ovvio per regolare l’incastro una volta appesa la porta. Non a caso, quindi, molti ebanisti evitano queste cerniere a favore di una variante moderna che non necessita di mortasatura ed è realizzata con asole che permettono di regolare l’anta verso l’alto o verso il basso, oltre che all’interno o all’esterno del mobile rispetto al viso. telaio.

2. Una punta Vix, o di centraggio, assicura che i fori delle viti siano centrati.

Sebbene questi mozziconi montati in superficie siano economici, rapidi da installare e facili da regolare, non ho mai superato la sensazione che siano una specie di imbroglione. Uno dei vantaggi dell’utilizzo dei cardini di testa è vederli montati in modo pulito sulle loro mortase. Il taglio delle mortase richiede solo pochi minuti quando hai imparato la tecnica. È anche un lavoro soddisfacente.

Non importa quanto tu sia meticoloso con il tuo layout e mortasatura, alcune porte avranno bisogno di aggiustamenti. È qui che entrano in gioco alcuni trucchi del mestiere.

Proteggi le tue scommesse

3. La porta deve spostarsi leggermente verso l’alto affinché lo spazio inferiore sia uguale a quello dello spazio laterale.

Quando si installano porte con cerniere di testa, iniziare inserendo solo le viti necessarie per tenere saldamente la porta in posizione durante il controllo dell’adattamento. Di solito metto l’anta della porta con due viti: una nel foro superiore, una nella parte inferiore, lasciando il foro centrale da praticare in seguito. In questo modo, se devo modificare la posizione della cerniera, posso praticare un foro nel punto giusto, quindi riempire i fori originali e reinserire le viti in seguito.

4. Ora c’è una piccola cavità nella parte inferiore della mortasa del cardine, poiché ho allungato la mortasa in alto.

Per la seconda foglia, quella che va sull’armadio, di solito uso solo una vite per cerniera per iniziare. Foro e inserisco la vite superiore per la cerniera superiore e la vite inferiore per la cerniera inferiore. Se c’è una terza cerniera (come spesso accade con porte da 48 ″ e più alte), utilizzo uno dei fori (va bene uno qualsiasi di loro).

La scelta dei cardini di testa

Perno fisso o allentato? In molti casi la scelta dipenderà dallo stile in cui stai lavorando, ma in generale una cerniera a perno libero facilita il montaggio di porte di grandi dimensioni: puoi rimuovere il perno e togliere la porta per la piallatura senza la necessità di svitare il battente della cerniera dal mobile.

Dimensioni Nell’ordinare le cerniere, tenere conto della larghezza delle ante e della lunghezza. Altrimenti potresti scoprire che le ante superano lo spessore della tua porta. È meglio lasciare più carne possibile sul retro del montante della porta, dietro il cardine, per evitare che si spezzi.

Ottone o acciaio? Molte cerniere
sono disponibili con diverse placcature in metallo e, talvolta, con una varietà di opzioni di finitura come l’ottone antico o il bronzo oliato.

Qualità Tecnicamente parlando, una buona cerniera di testa avrà un perno che si adatta perfettamente tra le foglie. Qualsiasi sciatteria in questo adattamento complicherà il tuo lavoro di far sì che una porta si adatti perfettamente alla sua apertura.

Regolazione di una porta Su o Giù

5. La faccia della porta sporge leggermente dal telaio del frontale, quindi aumenterò la larghezza della mortasa sul lato del mobile.

Attenzione: i deboli di cuore dovrebbero saltare questo paragrafo. Se una porta necessita di piccoli aggiustamenti, un buon colpo con un martello spesso farà il trucco. Per spostare la porta verso il basso, aprila completamente e colpisci la parte superiore del montante del cardine; per spostarlo verso l’alto, colpire il montante della cerniera in basso. A seconda del tipo di legno che stai utilizzando e della durezza delle viti metalliche (l’ottone è più morbido dell’acciaio), dovresti vedere un piccolo spostamento nella posizione poiché il legno sotto (o sopra) le viti si comprime leggermente, le viti si piegano un pochino, o entrambi. Ovviamente questo trucco richiede cure. Se colpisci la porta con troppa forza, potresti danneggiare la porta o il mobile, rompere le viti o danneggiare il cardine. Detto questo, spesso è solo il biglietto. Per mantenere la porta nella nuova posizione, praticare un secondo foro per ogni anta sul mobile e inserire quelle viti.

6. Utilizzare un calibro per segnare la posizione in cui deve essere la parte posteriore della mortasa. (La distanza tra questa nuova linea e il retro originale della mortasa sarà uguale alla distanza di cui la porta sporge dal telaio del viso.)

Se hai bisogno di più di una leggera regolazione verticale, probabilmente dovrai allungare la mortasa di ogni foglia. Decidere dove il piccolo spazio risultante sarà meno visibile, sull’armadio o sulla porta, quindi contrassegnare la quantità da rimuovere con un coltello quadrato e da marcatura e tagliare con uno scalpello. Nota che se vuoi spostare la porta verso l’alto e allungherai le mortase sull’armadio, rimuoverai il brodo nella parte superiore di ogni mortasa. Se hai intenzione di regolare la lunghezza delle mortase sulla porta, rimuoverai il brodo sul fondo di ogni mortasa.

Regolazione di una porta rispetto alla faccia dell’armadio

7. Per prima cosa tagliare la parte superiore e inferiore, quindi tagliare la linea di fondo.

Nella maggior parte dei casi, la porta di un armadio dovrebbe pendere a filo con la superficie dell’armadio. Se è leggermente dietro la superficie dell’armadio, puoi spostarlo rimuovendo una vite da una delle foglie sull’armadio, tirando la porta verso di te solo un capello e praticando un nuovo foro. Quindi inserire la vite. Ripeti con gli altri cardini finché la porta non si blocca a filo.

8. Il perimetro è stato tagliato. È ora di finire pareggiando con lo scalpello tenuto piatto.

Se la faccia della porta sporge dal mobile, dovrai allargare la mortasa dell’anta sul mobile. Rimuovere la porta dall’armadio e impostare un indicatore della larghezza dell’anta più la quantità di cui è necessario che la porta si sposti.

9. Pare il fondo della mortasa con uno scalpello.

Segna questo sull’armadietto, segna le fibre di legno nella parte superiore e inferiore della mortasa con un coltello e una squadra, quindi scalpella i rifiuti. Praticare nuovi fori se necessario, inserire le viti e controllare l’adattamento.

10. Le facce ora sono a livello.

Se per qualche motivo non riesci ad allargare le mortase sull’armadio, puoi ripiegare sul Piano C: piallare l’eccedenza dal fronte della porta. Ma questa è l’ultima risorsa.

Fori per viti di riempimento

Tengo i fiammiferi di sicurezza nella mia cassetta degli attrezzi per riempire facilmente i fori delle viti. Applicare una piccola quantità di colla e picchiettare il bastoncino con un martello. Rompi o taglia il fiammifero vicino alla base, quindi pareggia a filo. Una volta che la colla si è asciugata, puoi rifare il foro nella nuova posizione.

Gli stucchi per legno a polimerizzazione rapida offrono integrità strutturale.

Riparare lo spazio tra la porta e l’armadio

11. Lo spazio tra la porta e il telaio frontale deve essere maggiore. Devo aver fatto una delle mortase un po ‘troppo in profondità.

Se hai fatto le tue mortase troppo in profondità, probabilmente la porta si legherà invece di aprirsi. Chiamiamo tali porte “rilegate a cerniera”. La soluzione per questo è di spessorare il cardine. Il materiale che usi per questo può variare a seconda della quantità di spessoramento di cui hai bisogno, della finitura finale e (per essere brutalmente onesti) dei materiali che hai a disposizione.

12. Ancora un altro uso del nastro blu. In un pizzico, il nastro adesivo fa miracoli per diminuire la profondità di una mortasa.

Il trucco più rozzo per spessorare una cerniera di un solo capello è tagliare un pezzo di nastro adesivo lungo quanto la mortasa e attaccarlo. Se hai bisogno di più spessore, aggiungi un secondo pezzo. Questa soluzione sorprendentemente semplice farà spesso il trucco.

13. Il cartone sottile e denso di una scatola a vite è spesso ideale per lo spessoramento.

Un materiale comune per spessoramenti leggermente più spessi è il cartone. Le persone generalmente sconsigliano di usare il cartone perché può comprimersi, ma se si utilizza materiale denso, come i lembi delle scatole delle viti, spesso è possibile risolvere il problema.

14. Taglia il cartone a misura, quindi ritaglia la larghezza.

Una piccola quantità di colla aiuterà a mantenere lo spessore in posizione; una volta inserite le viti, la bloccheranno. Spesso, però, non utilizzo alcun adesivo; Mi affido solo alle viti. (Questo è il motivo per cui nelle vecchie case troverai spesso pezzetti di carta piegata o cartoncino dietro le porte. È un secolare trucco da falegname.)

15. Per mantenere il cartone in posizione, aggiungere una piccola quantità di colla o utilizzare una sottile striscia di nastro adesivo, quindi reinstallare il cardine e verificare l’aderenza.

La soluzione più pulita, se hai tempo, è fare uno spessore dello stesso spessore dallo stesso stock dell’armadio e della porta, incollarlo e fissarlo in posizione (usando nastro adesivo e un pezzo di scarto della lunghezza della cerniera foglia come una calza), quindi procedere come sopra.

16. Questa mortasa doveva essere approfondita in modo che l’intero spessore della foglia si adattasse.

Se lo spazio tra la porta e l’armadio è troppo grande, dovrai approfondire la mortasa in una di quelle parti. La porta di solito è la più facile da trattare, poiché puoi rimuoverla dall’armadio e metterla in una morsa (sia in negozio che su un banco di lavoro in cantiere).

17. Con un calibro di marcatura impostato alla profondità corretta, fare un piccolo segno appena sopra e sotto la mortasa del cardine. Esercitare una leggera pressione per evitare di rovinare la facciata della porta.

Segnare il taglio è complicato perché il tuo indicatore potrebbe voler inclinarsi nella mortasa, il che ti darà una posizione imprecisa. Utilizzo una riga in acciaio e un coltello da marcatura per tracciare una linea parallela a quella esistente sulla faccia della porta.

18. Tenendo una scala esattamente sui segni del calibro, segnare una linea tra di loro. Esercita una leggera pressione per il primo taglio, quindi ripeti finché la linea non è abbastanza profonda da essere percepita con la punta dello scalpello.

Sebbene sia certamente vero che i cardini tradizionali richiedono più cura e abilità rispetto al tipo non mortasato, questi trucchi dovrebbero aiutare le tue porte a rimanere a filo, con spazi uniformi.


Raccomandazioni sui prodotti

Ecco alcune forniture e strumenti che riteniamo essenziali nel nostro lavoro quotidiano in negozio. Potremmo ricevere una commissione dalle vendite inviate dai nostri link; tuttavia, abbiamo accuratamente selezionato questi prodotti per la loro utilità e qualità.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *